Crea sito
Ott 1 2017

Concorso Nazionale di Esecuzione Musicale “FRANCESCO CILEA” per Flauto e Musica da Camera XLI Edizione

XLI EDIZIONE  11 – 14 ottobre 2017

Sono ammessi a partecipare:
– per la sezione FLAUTO i concorrenti nati dopo il 12 ottobre 1985;
– per la sezione MUSICA DA CAMERA i complessi con età media non superiore a 32 anni.

Le schede di iscrizione vanno inviate entro il 10 ottobre 2017, allegando il proprio curriculum e, possibilmente, una foto, al seguente indirizzo:
CONCORSO NAZIONALE DI ESECUZIONE MUSICALE ‘FRANCESCO CILEA’
c/o Casa della Cultura ‘Leonida Repaci’
Via Felice Battaglia
89015 PALMI (RC)
oppre tramite FAX al numero: 0966.22599
o tramite email all’indirizzo: [email protected]

La tassa di iscrizione di € 50,00 a persona va versata sul conto corrente intestato a:
Associazione Amici della Musica N.A.Manfroce
presso Monte dei Paschi di Siena – Filiale di Palmi
IBAN: IT 70 P 01030 81490 000001643654
con causale: iscrizione concorso 2017

PREMI

Sezione FLAUTO:
I PREMIO:   € 2.000
II PREMIO:  € 1.000

Sezione MUSICA DA CAMERA:
I PREMIO:   € 3.000
II PREMIO:  € 2.000

Ai vincitori verranno inoltre offerti:
– Proposta di contratto di un anno, rinnovabile, con l’Agenzia NORMAN MUSIC – Via Aurelia 346, 00165 Roma;
– Tre concerti offerti da A.M.A. Calabria;
– Tre concerti organizzati dall’Agenzia NORMANN MUSIC;
– Un concerto presso la Sagrestia del Borromini nella Chiesa di Sant’Agnese in Agone – Piazza Navona – Roma (il programma è soggetto ad autorizzazione da parte dell’autorità ecclesiastica);
– Due concerti offerti dall’AGIMUS: uno presso la Sala Verdi del Teatro della Fortuna di Fano, l’altro presso l’Auditorium Ars Medica di Roma;
– Realizzazione di un disco – con consegna di n. 400 copie gratuite – sulla base di master fornito dagli interessati.

Agli ammessi alla prova di semifinale (per il flauto) e di finale (per la musica da camera) verrà assegnata una borsa di studio di € 100 a persona.

Per ulteriori info: 0966.46600 – 335.6204966

SCARICA IL BANDO

Giuria:

ALESSANDRO SOLBIATI (Presidente)

ANTONIO AMENDUNI,

FABRIZIO DE ROSSI RE,

MATTEO EVANGELISTI,

ROBERTO GALLETTO,

FRANCESCO LOI,

MARIO MARZI.

tutte le informazioni:http://www.amicimusicapalmi.it/#


Lug 29 2017

San Costanzo (PU) estate musicale 2017

Mercoledì 2 agosto presso la Chiesa di Sant’ Agostino a San Costanzo (PU), concerto del Duo Amelli – Lamon. (trombe storiche – organo positivo)

L’ EVOLUZIONE DELLA TROMBA DAL SEICENTO ALL’ OTTOCENTO

Simone Amelli inizia giovanissimo gli studi di tromba e consegue nel 2006 il diploma in tromba presso il Conservatorio “Lucio Campiani” di Mantova.  In seguito frequenta corsi di perfezionamento con i maestri Roberto Rossi (Prima tromba dell’orchestra sinfonica nazionale della Rai), Vincent Penzarella (seconda tromba della New York Philharmonic Orchestra), Gianni Dallaturca (seconda tromba dell’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano), Giuseppe Blengino (prima tromba del Teatro Carlo Felice di Genova).  Parallelamente, segue il percorso biennale di perfezionamento in tromba e tromba naturale tenuto da Gabriele Cassone e Marco Pierobon presso la Scuola di Musica di Fiesole.                                        L’ interesse per gli strumenti d’epoca e per la prassi esecutiva della musica barocca e classica lo hanno spinto ad approfondire tali studi conseguendo il Biennio di Tromba Naturale sotto la guida del M° Jonathan Pia presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano nel 2015. Ha inoltre seguito masterclasses di tromba naturale con alcuni dei massimi esponenti a livello mondiale di questo strumento quali Edward Hankins Tarr, Gabriele Cassone, Jean François Madeuf, Crispian steele Perkins, Fredemann Immer.  Ha collaborato e collabora con importanti Enti lirici e sinfonici tra cui l’Orchestra della Svizzera Italiana, l’ Orchestra della Rai di Torino, l’ Orchestra Haydn di Bolzano e Trento, l’Orchestra Arturo Toscanini di Parma, l’ Orchestra Verdi di Milano, l’ Orchestra del Teatro Regio di Parma. Collabora con prestigiosi Ensemble di Musica Antica tra cui Ensemble Zefiro, I Barocchisti, La barocca, Academia Montis Regalis, I Virtuosi Italiani, l’ Orchestra Barocca di Bologna, Accademia d’Arcadia, Theresia Youth Baroque Orchestra sotto la direzione di artisti quali Alessandro De Marchi, Diego Fasolis, Francesco Maria Sardelli, Alfredo Bernardini, Roy Goodman, Michael Radulescu, Corrado Rovaris, Claudio Astronio.  Con la tromba naturale ha inciso per le etichette “Sony Classic”, “Arcana” e “Tactus”.

Nicola Lamon ha compiuto gli studi musicali al conservatorio “Benedetto Marcello” di Venezia diplomandosi nel 2001 con il massimo dei voti e la lode sia in Organo e composizione organistica con Elsa Bolzonello Zoja che in Clavicembalo con Sergio Vartolo e Marco Vincenzi.
Ha conseguito inoltre il diploma in Canto Gregoriano a pieni voti con Lanfranco Menga. Nell’anno accademico 2005-2006, presso il Conservatorio “B. Marcello” di Venezia ha conseguito con il punteggio di 110 e lode il diploma accademico specialistico di II° livello in organo.
Ha partecipato a numerosi corsi di perfezionamento presso varie accademie internazionali: in organo e improvvisazione con H. Davidsson e W. Porter a Smarano (TN), con J.L. Gonzalez Uriol a Daroca (Spagna), presso l’Accademia Chigiana di Siena, per il clavicembalo, con Cristophe Rousset, conseguendo il diploma di merito.
Ha ottenuto diversi riconoscimenti in vari concorsi nazionali e internazionali: in organo il terzo premio a Borca di Cadore nel 2001 e nel 2005, il primo premio a Viterbo nel 2003 e il terzo premio a Fano Adriano (TE) nel 2006; in clavicembalo il primo premio a Fusignano (RA) nel 2003 e il primo premio a Pesaro nel 2005.
Segue e studia con particolare interesse il rapporto canto gregoriano,organo, liturgia,musica vocale e basso continuo, ricoprendo la carica di organista presso la prestigiosa basilica di San Marco in Venezia.
Svolge inoltre attività di organista e clavicembalista continuista in diverse formazioni collaborando inoltre come tale a masterclass e corsi di perfezionamento.E’ stato docente a contratto presso il conservatorio “C.Pollini di Padova” di pratica della tastiera e lettura del repertorio vocale e, attualmente, svolge attività di accompagnatore al clavicembalo presso i conservatori Arrigo Pedrollo di Vicenza e Agostino Steffani di Castelfranco Veneto (TV). E’ impegnato altresì nella monumentale esecuzione integrale dei due libri del Clavicembalo ben temperato di J.S.Bach.

Note al concerto

Quello che viene proposto in questo programma da concerto è un vero e proprio viaggio tra le innovazioni tecnologiche e compositive che hanno segnato il percorso della tromba nei secoli, soffermandosi nel periodo di maggior sperimentazione.                                                                                          La tromba storicamente nasce come strumento da segnale, usata per scandire momenti della giornata, della battaglia, di festa, ma nel corso del tempo assume sempre più importanza anche in campo musicale, fino ad avere ruoli fondamentali in epoca barocca.                                                                           È in questo periodo che la tromba, usata nel registro di clarino, viene sfruttata al meglio da numerosi compositori come Johann Sebastian Bach, Georg Philipp Telemann, Georg Friedrich Handel – solo per citare i nomi di maggior rilievo.                                                                                                                   Nel corso dei secoli è anche cambiato molto lo stile con il quale i compositori scrissero per la tromba, grazie alle possibilità sempre maggiori che offriva lo strumento e la bravura tecnica del musicista che lo suonava.                  Lo strumento, nella sua prima versione, si chiamava ‘Tromba naturale’; si trattava di una tromba che poteva suonare esclusivamente la serie di armonici naturali. Questo tipo di strumento è rimasto invariato dalla sua invenzione fino alla seconda metà del 1700, quando a causa di un forte cambiamento dell’ estetica si è sentita l’ esigenza di mettere in atto le modifiche necessarie per poter suonare anche note non appartenenti alla semplice serie armonica naturale.                                                                                                Dobbiamo tuttavia ricordare che, per alcune sue peculiarità come il particolare timbro sonoro e la possibilità di potenza di volume, la tromba naturale rimase in uso fino all’ epoca di Beethoven, che nelle sue Sinfonie prevedeva proprio questi strumenti in organico, al posto delle più moderne trombe a chiavi o pistoni.                                                                                                                                                                                                                                           Verso la fine del 1700 ci fu una prima innovazione importante, che segna inevitabilmente la storia della tromba: la messa a punto delle chiavi.            La tromba fu infatti dotata di alcuni fori che si aprono e chiudono con l’ausilio di alcune chiavi simili a quelle che possiamo vedere oggi nel saxofono. L’ uso delle chiavi permise agli strumentisti di suonare la scala cromatica e quindi di affrontare composizioni ben differenti da quelle a cui si era abituati sino a quel momento. A seguire, le esigenze cambiarono ancora; infatti, poiché la tromba poteva suonare – al pari degli altri strumenti – l’intera gamma di note, ma con un timbro poco omogeneo su tutto il registro, la tecnologia si adoperò per perfezionarla.                                         Vennero quindi brevettati i sistemi a valvole rotative e a pistoni, che soppiantarono in breve tempo la tecnologia delle chiavi, perché più pratici, più precisi e molti più agili per il musicista che li utilizza.                                                                                                Si ebbe così una rapida ascesa di questi due tipi di tromba che, con poche e non rilevanti modifiche, hanno consegnato nelle nostre mani la tromba moderna che oggi tutti conosciamo. In questo percorso saremo accompagnati da brani scelti e collocati su una linea del tempo perfettamente parallela all’ evoluzione della tromba.                                                                                                                                                                                                              Partiremo con una sonata dal metodo di Girolamo Fantini che si può definire il capostipite dei trombettisti italiani, per poi passare a Georg Friedrich Handel, compositore che ha contribuito a dare spledore alla tromba naturale in epoca barocca. Si prosegue poi con Joseph Fiala, musicista ceco che assieme a Joseph Haydn, Johann Nepomuk Hummel e Leopold Kozeluch, ci ha lasciato interessantissime pagine di musica per la tromba a chiavi. Proseguiremo poi con Josef Kail, primo professore di tromba a valvole presso il conservatorio di Praga nel 1826 che compose brani appositamente pensati e strutturati appunto per la tromba a valvole. Per finire verrà eseguita una composizione di Jean Baltiste Arban, virtuoso di fama mondiale di cornet a piston e docente proprio di questo strumento presso il Conservatorio Superiore di Parigi sino al 1889.

Programma

GIROLAMO FANTINI (1600-1675) Sonata detta del Nero

(da Modo per imparare a sonare di tromba, 1638)

ANDRÉS DE SOLA (1634-1696) Tiento de primo Tono de Mano derecha, per organo solo

GEORG FRIEDRICH HAENDEL (1685-1759)  Water Music Suite

Overture, Gigue, Air, March, March

JOSEPH FIALA (1748-1816)  Divertimento in Re per tromba a chiavi

Largo, Allegro

JOHN STANLEY (1712-1786)  Voluntary Op. 7 n. 8, per organo solo

Andante, Allegro, Fuga

JOSEPH KAIL (1795-1871) Cavatina e valzer su temi di Donizetti

Andante cantabile, Allegro brillante

PIETRO MORANDI (1745-1815) Concerto undecimo, per organo solo

JEAN-BAPTISTE ARBAN (1825-1889) Tema e variazioni per Cornetta su temi di Rossini

Andantino, Allegretto, Variazione, Andantino, Finale

Sara Jane Trio 28.7.2017


Lug 21 2017

San Costanzo (PU) concerti Jazz – Classica

Per l’ estate musicale Sancostanzese 2017 in programma due serate, la prima venerdì 28 luglio vedrà protagonista il Sara Jane Trio, (Sara Jane Ghiotti voce, Roberto Stefanelli pianoforte e Mauro Mussoni contrabbasso) mentre la seconda serata, mercoledì 2 agosto il duo Simone Amelli (trombe storiche) Nicola Lamon (organo positivo).

Sara Jane Trio

Un trio che riecheggia di blues, di tradizione.
Un omaggio allo standard nella sua accezione più ancestrale, passionale e tradizionale.
Una ritmica eccezionale  per una interprete che vuole trasmettere al pubblico il significato di ogni parola cantata.

Sara Jane Ghiotti voce,

Roberto Stefanelli pianoforte,

Mauro Mussoni contrabbasso.

Sara Jane, cantante anglo sammarinese, ha studiato Canto jazz presso il Conservatorio Rossini di Pesaro, sotto la guida dei M° Gianmarco Gualandi e Bruno Tommaso, laureandosi con lode.

E’ laureata con lode  in Arrangiamento e Direzione per orchestra Jazz presso il Conservatorio Rossini di Pesaro, sotto la guida del M° Gianmarco Gualandi.

Ha studiato con Martina Grossi, Alessandra Alberti, Maurizio Rolli, Stefania Tallini.

Ha frequentato seminari di artisti di fama internazionale, come Jay Clayton, Cinzia Spata, Diana Torto, Maria Pia De Vito, Guinga, Bob Stoloff, Leon Lhoest, Furio di Castri.

Nel 2012 si classifica al 2° posto al Festival delle arti di Bologna e vince il Premio della Critica col duo Vocale “Saffron” al San Marino Jazz Festival.

Si è esibita all’interno d’importanti Festival e rassegne teatrali, quali l’Artusi Jazz Festival 2016 assieme alla Roost Big Band e Fabrizio Bosso, diretta da Roberto Rossi.

Rispettivamente nel 2015 e nel 2016 interpreta l’Opera delle Filastrocche di Gianni Rodari e la favola musicale Ali Babà e i 40 Ladroni, entrambe dirette dal M° Noris Borgogelli, con l’orchestra sinfonica della Repubblica di San Marino.

Si è esibita su palchi celebri quali: Teatro Rossini di Pesaro, Teatro Titano di San Marino, il Charity Caffè e l’Alexander Platz di Roma, e il Teatro Smeraldo di Milano.

E’ laureata con lode in Logopedia, con un master in Vocologia Artistica.

venerdì 28 luglio 2017 ore 21,15 Piazza Mauruzi Stacciola di San Costanzo (Pesaro-Urbino)

Sara Jane Trio 28.7.2017

prossimo concerto mercoledì 2 agosto Chiesa Sant’ Agostino, duo Amelli – Lamon (trombe storiche, organo positivo)


Giu 4 2017

XIª Rassegna Corale “Laurentina”

Sabato 10 Giugno 2017 alle ore 21.15 al Teatro “Mario Tiberini” di San Lorenzo in Campo (PU) si terrà 11ª Rassegna Corale “Laurentina” 

organizzata dal Coro “Jubilate” e dal Comune di San Lorenzo in Campo,  in collaborazione con la Pro Loco di San Lorenzo in Campo, e con il Patrocinio della Regione Marche, quest’anno vedrà la partecipazione, oltre al coro organizzatore della manifestazione,  del Vocal Ensemble di “Letteraria” di Fano e del Coro  Polifonico “I Cantori della Città Futura” di Vallefoglia.

Il Coro “Jubilate” di San Lorenzo in Campo, diretto da Olinto Petrucci, farà gli onori di casa interpretando alcuni brani come saluto e omaggio alle altre corali partecipanti: “Barcarolle des contes d’Hoffman” di Jacques Offenbach, “O Cin-Ci-Là dall’operetta “Cin-Ci-Là” di Virgilio Ranzato e trascrizione per coro a 4 voci di Michele Mangani e “Memory” dal musical “Cats” di Andrew Lloyd Webber.

Il Coro Jubilate nasce a San Lorenzo in Campo nell’anno 2004. Il suo repertorio comprende brani di musica polifonica sacra e profana, canti popolari e folcloristici .  Fin dall’inizio della sua attività ha partecipato a numerose Rassegne Regionali, Nazionali e Internazionali ricevendo lusinghieri giudizi dal pubblico e dalla critica.  In collaborazione con altre corali ha partecipato: – alla messa di Gounod nel Duomo di Orvieto con l’incisione di un C.D. – all’’Oratorio de Noël di Camille Saint-Saëns  – alla esecuzione del Requiem di Mozart

Nell’anno 2010 ha effettuato la sua prima trasferta internazionale tenendo applauditi concerti in Lussemburgo e in Francia; nel Maggio 2013 una tournée concertistica ad Haarlem in Olanda per la festa nazionale per l’incoronazione del nuovo re Guglielmo-Alessandro e nel mese di Giugno del 2016 una nuova impegnativa trasferta in Germania con concerti a Monaco e a Warngau     Nell’anno 2011, in occasione del Centocinquantesimo dell’Unità d’Italia, il Coro Jubilate ha ricevuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali il riconoscimento di “Gruppo Artistico di Interesse Nazionale”. Il Coro, sin dalla sua fondazione, è diretto da Olinto Petrucci e si avvale della collaborazione di cantanti e musicisti professionisti.

Il Vocal Ensemble “Letteraria” di Fano nasce dall’entusiasmo di alcuni amici, accomunati dalla passione per il canto e dall’esperienza maturata in compagini corali della propria città. Sin dalla costituzione, per puro divertimento, l’ensemble ha scelto di estendere le interpretazioni ai generi musicali più svariati, dalla polifonia classica a quella contemporanea.

In ognuno di questi ambiti ricerca la migliore sonorità e un’interpretazione che adatti il brano al proprio carattere, convinto che il divertimento e l’emozione di chi canta siano fondamentali al piacere di chi ascolta.

Oltre ad esibirsi per il diletto di amici e per scopi benefici il gruppo collabora, dal 2014, con la manifestazione Letteraria, premio per la narrativa edita in lingua italiana e in traduzione, che si tiene a Fano nella seconda settimana di ottobre e che vede la presenza di scrittori, traduttori, artisti, ma soprattutto lettori.

Il Vocale Ensemble di “Letteraria” eseguirà: “Come again” di John Dowland, “Matona mia cara” di Orlando di Lasso, “Moonlight serenade” di Glenn Miller, “Ma l’amore no” di Giovanni D’Anzi, “Dream a little dream of me”di Fabian Andre e Wilbur Schwandt nell’arrangiamento di Stefano Baldelli, “Maramao, perché sei morto?” di Mario Consiglio – Mario Panzeri, “Moon river” di Johnny Mercer e Henry Mancini e “Il pinguino innamorato” di Rastelli/Casiroli/Consiglio.

Il Coro Polifonico “I Cantori della Città Futura” di Vallefoglia  è un coro di recentissima formazione. Il progetto   nasce da un’idea del suo presidente: Franco Bezziccheri, ottiene il patrocinio dell’Unione dei cinque comuni di Pian del Bruscolo (Sant’Angelo in Lizzola, Tavullia, Colbordolo, Montelabbate e Monteciccardo) e diventa realtà il 3 maggio del 2007, sotto la direzione del M °Valentino Bastianelli.  Questo coro, che attualmente si compone di 34 elementi, mette insieme alcuni professionisti ad una maggioranza di non professionisti, uniti dal comune amore per il belcanto.

Dall’aprile 2008 il coro viene diretto dal M° Stefano Bartolucci, il quale oltre ad essersi diplomato in composizione, direzione d’orchestra e pianoforte al Conservatorio G. Rossini di Pesaro (col massimo dei voti e la lode), ha tenuto numerosissimi concerti nei più importanti teatri italiani ed in 25 diversi paesi stranieri, come solista, in formazioni cameristiche e in veste di Direttore d’Orchestra.

Dal 2015 l’ensemble Città Futura è diventato il coro principale delle stagioni liriche dei teatri: Regina di Cattolica, Sanzio di Urbino, Comunale di Cagli e, dal prossimo maggio, del Teatro Gentile di Fabriano. Le opere liriche che il coro ha eseguito sono: Barbiere di Siviglia e Cenerentola di Rossini; Elisir d’amore di Donizetti; Boheme di Puccini; Rigoletto e Traviata di Verdi.  Attraverso il suo già vasto e caratterizzato repertorio, il coro “I Cantori della città futura” diffonde nei cinque comuni dell’Unione di Pian del Bruscolo ed in tutta Italia, un canto di speranza per l’Africa: esso si inserisce, infatti, in un progetto più vasto (quello di “Africa Mission”), che ha come finalità la raccolta di fondi per sovvenzionare i progetti di cooperazione e sviluppo che questa ONLUS ha in Uganda.

Il Coro Polifonico “I Cantori della Città futura” eseguirà: “Jacinto Chiclana” e “Milonga de l’Anunciacion” di Astor Piazzolla, “Maestro Tango!” di Arturo Monaco e Stefano Bartolucci, “Viva Verdi”, medley di opere Verdiane,  “Medley Napoletano” di Stefano Bartolucci, “Con ciò sia cosa che” dalla Cenerentola di Rossini e “Udite o rustici” da l’ “Elisir d’amore” di Donizetti con la voce solista di Roberto Ripesi.


Mag 30 2017

Concerto didattico Stefanelli – Pantani (violoncello-pianoforte)

Nuovo concerto didattico alla Scuola Media di Pian del Bruscolo Tavullia (Pesaro-Urbino),

mercoledì 31 maggio 2017 alle ore 18,00, saliranno sul palco due giovani concertisti: Francesco Stefanelli (violoncello) e Nicola Pantani (pianoforte), con il seguente programmaS. Bach dalla VI suite per violoncello solo  Allemanda –L. van Beethoven dalla Sonata n. 3 op. 69 per violoncello e pianoforte Allegro ma non tanto – F. Schubert dalla Sonata per violoncello e pianoforte “Arpeggione” D821 Allegro moderato – B. Britten dalla Sonata op. 65 per violoncello e pianoforte Dialogo, allegro – Scherzo pizzicato allegretto.

Francesco Stefanelli,  1999,  ha iniziato lo studio del   violoncello presso l’Istituto Musicale Sammarinese e si è diplomato a sedici anni con il massimo dei voti presso l’Istituto di Alta Formazione “Lettimi” di Rimini.

Nel 2012, appena dodicenne, è stato ammesso a   frequentare il corso di violoncello tenuto dal M° Antonio  Meneses presso l’Accademia Chigiana di Siena ottenendo il Diploma di Merito.

Dal 2013 ad oggi frequenta la Masterclass annuale tenuta a Torino dal M° Thomas Demenga, organizzata  dalla “De Sono Associazione per la Musica”.

Nel 2015 e 2016 è stato allievo della prestigiosa “Pavia Cello Academy” del M° Enrico Dindo e dell’ Accademia Stauffer di Cremona nella classe del M°  Antonio Meneses.

Ha frequentato inoltre Masterclass con Ivan Monighetti, Young-Chang Cho, Massimo Polidori, Frans Helmerson, Asier Polo ed è costantemente seguito da Marianne Chen.

E’ vincitore nel 2015 della prestigiosa Borsa di Studio offerta dalla Filarmonica della Scala di Milano quale miglior giovane violoncellista italiano e nel 2016 della Borsa di Studio “Yamaha Music Foundation of Europe”.

Nel 2016 si aggiudica il Premio quale più giovane semifinalista al I° Concorso Internazionale Mazzacurati   di Torino ed il Primo Premio al 11° Concorso “Antonio Janigro” in Croazia grazie al quale debutterà a Praga nel Giugno 2017 come solista con la “Czech Philarmonic    Orchestra”.

Ha partecipato, in rappresentanza della Repubblica di San Marino, all’”Eurovision Young Musicians 2016” a Colonia eseguendo il I tempo del Concerto n.1 per violoncello ed orchestra di Shostakovich accompagnato dall’ Orchestra Sinfonica della WDR.

Dal 2017 è borsista della “De Sono Associazione per la Musica” di Torino e recentemente gli è stata assegnata la Borsa di Studio ESKAS offerta dal Governo Svizzero.

Affronta il repertorio in Duo cameristico con il giovane pianista riminese Nicola Pantani.

Attualmente frequenta il Master of Arts in Music Performance, presso la Scuola Universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera Italiana a Lugano, nella classe del M° Enrico Dindo.

Nicola Pantani, 1995, ha iniziato a dodici anni lo studio del pianoforte sotto la guida del M° Davide Tura. Frequenta attualmente la classe del M° Enrico Meyer presso l’Istituto Musicale Pareggiato ”G. Lettimi” dove ha conseguito nel febbraio 2017 il diploma accademico di I livello con il massimo dei voti e lode eseguendo l’integrale degli “Études d’exécution transcendante” di F. Liszt; è inoltre allievo dei Maestri Enrico Pace e Igor Roma all’accademia pianistica internazionale “Incontri col maestro” di Imola.

Ha frequentato i corsi di perfezionamento dei maestri Alfredo Speranza, Riccardo Risaliti, Orazio Maione,  Enrico Pace, Claudio Martinez Mehner, Jeffrey Swann, Filippo Gamba, Benedetto Lupo, Roberto Plano, Jean François Antonioli, Jin Ju, Cristina Ortiz e Leonid   Margarius.

Per la musica da camera ha preso parte ai corsi dei maestri Stefania Redaelli, Marco Rizzi e Marianne Chen.

È stato premiato in vari concorsi nazionali ed internazionali da solista (I premio assoluto all’XI Concorso nazionale di esecuzione musicale “Città di Riccione”e al V Concorso pianistico “Giorgio e Aurora Giovannini” di Reggio Emilia, I premio al VI Concorso pianistico “città di Piove di Sacco” e al III Concorso pianistico “Andrea Baldi” di Bologna.

Nel Settembre 2014 ha eseguito con l’Orchestra Sinfonica Abruzzese diretta da Nil Venditti il “Concerto” N. 2 di Camille Saint-Saëns nell’ambito del progetto IMC.

È stato inoltre insignito delle borse di studio dell’Istituto Lettimi e del Lions Club Rimini per gli ottimi risultati conseguiti nell’ambito dell’esame di compimento inferiore, superato con la votazione di 10/10 nell’A.S. 2011-2012

Nel 2015 è stato selezionato per eseguire presso il padiglione Italia di Expo Milano 2015 musiche di vari autori italiani e l’intera serie “Deuxième annèe de pèlegrinage: Italie” di F. Liszt.

Suona stabilmente in duo con il violoncellista Francesco Stefanelli e con la pianista Elisa Rumici, con la quale ha vinto i primi premi ai concorsi di esecuzione musicale “Musica insieme” di Musile di Piave e “Rospigliosi” di Lamporecchio oltre al primo premio assoluto (con votazione 100/100) al concorso “Città di Piove di Sacco”.

Nel settembre 2016 ha inoltre vinto come solista il secondo premio alla “IMA Enharmonia Piano Competition” tenutasi presso l’istituto Lettimi di Rimini.


Mag 29 2017

Saggi e concerto finale a Pian del Bruscolo (PU)

Martedì 30 maggio 2017 alle ore 18,00 presso l’aula magna della Scuola Media di Pian del Bruscolo (PU) inizieranno i saggi finali del corso ad indirizzo musicale. A salire sul palco saranno le ragazze ed i ragazzi della classe I, martedì 6 giugno sarà la volta degli alunni della classe II ed il giorno successivo, mercoledì 7 si concluderanno con la classe III.

Da ricordare giovedì 1 giugno alle ore 21,00, nella splendida Abbadia di San Tommaso in Foglia il concerto finale dell’ orchestra “Incontro”, orchestra reduce dal concerto tenuto nel ridotto del Teatro Comunale dell’ Aquila in occasione del gemellaggio con la Scuola Media ad Indirizzo Musicale della città Mazzini-Patini.

Programma Orchestra “Incontro” 

Saggio classe 1D° 2017

 


Apr 9 2017

Auguri di buona Pasqua 2017

La Santa Pasqua porti pace, amore, e serenità.

Michelangelo Merisi detto “Caravaggio”

(Milano 1571 – Porto Ercole (GR) 1610)

Incoronazione di spine

Kunsthistorisches Museum, Vienna


Feb 20 2017

Giornata della memoria

Scuola Media Pian del Bruscolo:

Commemorazione della giornata della memoria venerdì 27 gennaio 2017

“Musica e Parola per non dimenticare”

Venerdì 27 gennaio, alle ore 11,00 nell’aula magna dell’Istituto Comprensivo Statale Pian del Bruscolo (Pesaro-Urbino) è stata celebrata la Giornata della memoria con musica, letture e immagini storiche.
La cerimonia è stata aperta dall’ Orchestra Incontro, dell’ Istituto, costituita dagli alunni del corso ad indirizzo musicale, che, sotto la guida del Prof. Claudio Sanchioni, ha introdotto, inframezzato e concluso la commemorazione suonando alcuni brani della tradizione ebraica. Successivamente il Preside Prof. Marcello Masci ha illustrato agli alunni l’ importanza della giornata, del non dimenticare ciò che è successo 72 anni fa nel cuore dell’ Europa: la Shoah. Il 27 gennaio del 1945, infatti, le truppe dell’Armata Rossa che avanzavano verso la Germania aprirono i cancelli di Auschwitz portando alla luce i crimini che i nazisti avevano compiuto: cadaveri insepolti in ogni dove, camere a gas, forni crematori dove milioni di ebrei vennero sterminati in modo scientifico. Sono vicende che non possono e non devono essere dimenticate, devono invece essere tramandate alle nuove generazioni affinché simili crudeltà non possano più accadere.
Quindi, tra una lettura e l’ altra di poesie da parte di alcuni alunni, gli insegnanti di strumento musicale (Alessandra Bottai violino, Claudio Sanchioni clarinetto e Raffaella Sereni pianoforte), hanno eseguito il tema della colonna sonora del film Schindler’s list.

Sereni (pf) Sanchioni (cl) Bottai (vl)

Il Prof. Alberto Cudini ha illustrato ai ragazzi le tappe fondamentali che hanno portato allo sterminio di ebrei, zingari, sinti, omosessuali, partigiani, oppositori politici e prigionieri provenienti da ogni parte d’Europa. Attraverso tutta una serie di diapositive sono stati messi in luce gli aspetti più sconcertanti e più odiosi della Shoah, sono state proiettate immagini dei campi di Mauthausen, Auschwitz I e Birkenau.
Un elogio particolare va a tutti gli alunni che, di fronte a tali argomenti certamente impegnativi e sconvolgenti, si sono dimostrati attenti e particolarmente interessati a conoscere ciò che è stato. Nei loro sguardi non ancora avvezzi alle sofferenze più drammatiche, si sono potuti notare sentimenti di meraviglia e incredulità, ma anche di consapevolezza che, con l’ impegno di tutti, la speranza in un mondo migliore non morirà mai.

Articolo tratto dal sito http://cittafuturainfo.it/


Dic 18 2016

Buone Feste 2016 – 2017

Tanti Auguri per un sereno

Natale

e

Felice Anno Nuovo

Natale 2015   Natale 2014   Natale 2013 

Natale 2012   Natale 2011   Natale 2010


Dic 17 2016

Pian del Bruscolo concerto di Natale

Concerto di Natale dell’ “Orchestra Incontro” dell’ Istituto Comprensivo Pian del Bruscolo, (Tavullia – Pesaro e Urbino)

Venerdì 23 dicembre 2016 nella Chiesa di Santa Maria Assunta a Montecchio di Vallefoglia (Pesaro e Urbino) alle ore 9,30 e 11,00.

Locandina Natale 2016         Programma Natale 2016


Nov 19 2016

Santa Cecilia 2016

Martedì 22 novembre 2016 si festeggia Santa Cecilia patrona della musica, dei musicisti e dei cantanti.

Santa Cecìlia.

Fanciulla romana, martire, secondo gli Atti del 6º sec., al tempo di papa Urbano I (222-230); il suo culto è testimoniato dal sec. 5º. Secondo la tradizione fu una nobile fanciulla cristiana che, segretamente votata alla verginità, la sera delle nozze manifestò allo sposo Valeriano questa sua volontà e lo indusse alla conversione.

La sua storia confluisce così nella passio dei martiri Tiburzio, Valeriano e Massimo; C. difatti fu uccisa dopo di loro, decapitata.

Mancando menzioni della santa e del suo martirio negli scritti e documenti del 3º e 4º sec., si è congetturato che sia una pia leggenda, sorta forse dal fatto che una cristiana della nobile famiglia dei Cecilîa fosse sepolta nel cimitero di Callisto; non si tratta comunque di una martire.

I resti della santa furono traslati nel 9º sec. da papa Pasquale I nella basilica di S. Cecilia in Trastevere (statua di S. Maderno, nell’altare maggiore, che rappresenta il corpo della santa, così come fu ritrovato nella ricognizione del 1595). (da enciclopedia Treccani)


Nov 14 2016

Concorso per bande giovanili

13° Concorso per Bande Giovanili

Giovani in concorso che si terrà a Costa Volpino (Bergamo) nei giorni 11/12 Marzo 2017


Memorial Pietro Martinelli 

Il concorso ha lo scopo di approfondire la conoscenza della musica, 

incoraggiando e premiando tutti i giovani cultori della stessa.

 le  iscrizioni al concorso termineranno mercoledì 30 Novembre 2016.

on il patrocinio del
Stemma del comune   Comune di Costa Volpino
ed in collaborazione con
Logo Yamaha   Strumenti Musicali Yamaha
Logo Cavalli   Cavalli – Strumenti Musicali


regolamento concorso

moduli del concorso

luogo – mappa

Per maggiori informazioni potete visitare il sito all’indirizzo:

http://www.corpomusicalecostavolpino.it/giovani_in_concorso/

N.B. : Per qualsiasi chiarimento potete scriverci all’indirizzo e-mail : [email protected]


Set 22 2016

Guidobaldo del Monte e Galileo Galilei

Sabato 1°ottobre 2016, al Teatro Comunale di Mombaroccio (Pesaro-Urbino), alle ore 10.00 si terrà il convegno su Guidobaldo del Monte e Galileo Galilei.

L’ evento darà risalto al contributo che un feudatario di Mombaroccio, Guidobaldo del Monte (1545-1607), dette alla rivoluzione scientifica attraverso i suoi studi di meccanica e di matematica. Guidobaldo fu anche il primo scienziato a comprendere il genio di Galileo Galilei, aiutandolo a ottenere una docenza presso le università di Pisa e di Padova. Si può dire che negli ultimi decenni del Cinquecento fino agli inizi del Seicento, Mombaroccio, dove in quegli anni risiedette Guidobaldo, fu una delle capitali della scienza europea.
I relatori saranno il Prof. Vincenzo Fano docente di Logica e Filosofia della scienza all’ Università di Urbino (“Rivoluzione scientifica o recupero degli antichi? Idee e protagonisti”) , il Prof. Enrico Gamba del Centro studi “Urbino e la prospettiva” (“Guidobaldo Del Monte sponsor e amico di Galileo Galilei”) ed il Prof. Riccardo Paolo Uguccioni, Presidente dell’Ente Olivieri di Pesaro (“La famiglia Del Monte e il feudo di Mombaroccio”); moderatore sarà il Dott. Claudio Turco, segretario dell’Associazione di promozione sociale ”Accademia Guidobaldo del Monte” (AGDM), che ha organizzato l’evento, con il patrocinio del Comune di Mombaroccio (PU).

L’ AGDM intende diffondere e rilanciare le specificità culturali di Mombaroccio, di cui Guidobaldo è stato l’esponente di maggior spicco, anche se non l’unico. Altre manifestazioni AGDM tenute in precedenza hanno riguardato la presentazione dell’opera di padre Giancarlo Mandolini (ofm) sulla ricognizione clinica delle reliquie del Beato Sante Brancorsini, e del volume sui paesaggi di Mombaroccio, “Gra e Guido”, opera del maestro d’arte Graziano Giangolini. Ingresso libero.


Set 20 2016

VII Concorso Pianistico Internazionale Repubblica di San Marino

Esito finale della  VII edizione del Concorso Pianistico Internazionale Repubblica di San Marino.

Si è concluso domenica 18 settembre 2016 la VII edizione del Concorso Pianistico Internazionale Repubblica di San Marino, con l’ esecuzione dei tre candidati ammessi alla finale con l’ Orchestra Sinfonica della Repubblica di San Marino del concerto per pianoforte e orchestra.

1° premio al pianista Krupiński Łukasz (Polonia 05/06/1992) concerto n. 2 op. 18 di Sergej Vasil’evič Rachmaninov

2° premio al pianista Choni Dmytro (Ucraina 31/08/1993) concerto n. 1 di Franz Lizt

3° premio al pianista Meng-Sheng Shen (Taiwan 29/10/1990) concerto n. 2 op. 18 di Sergej Vasil’evič Rachmaninov

La giuria era così composta: presidente  Arie Vardi, componenti,  Robert Benz, Norma Fisher, Filippo Gamba, Anna Malikova

Il pianista Krupiński Łukasz,  oltre al primo premio del concorso si è aggiudicato anche il premio della critica (formata da Sandro Cappelletto, Valentina Lo Surdo e Guido Zangheri), il premio “Rotary” , (assegnato dal pubblico presente in sala) ,e il premio “Lions Club, (assegnato dagl’ orchestrali).

La borsa di studio per i candidati fino a 15 anni è andata al giovane pianista Lee Shuan Hern proveniente dall’ Australia, (19/07/2002)

Organizzazione del concorso: Associazione Musicale Allegro Vivo 

Il concorso è stato inaugurato con il concerto di apertura, domenica 11 settembre 2016 con il recital pianistico del vincitore della VI edizione al Teatro Titano del pianista Russo Alexei Melnikov, con il seguente programma: Bach-Busoni: “Ich ruf’ zu dir, Herr Jesu Christ” BWV 639 – Fr. Liszt – Sonata in Si Minore – M. Musorgskij: Quadri di una esposizione.


Ago 17 2016

Voci e Suoni nelle Notti d’ Agosto 2016

Tre serate per la 15a edizione di VOCI  E SUONI NELLE NOTTI D’ AGOSTO 2016.

Prima serata martedì 9 agosto con

FAITH  NU  SOUL  EXPERIENCE
Omaggio alle incredibili voci della musica blak

Faith Diallo, voce
Simone Migani, pianoforte
Roberto Valdifiori, contrabbasso
Michele Iaia, batteria

seconda serata giovedì 18 agosto con

ANNA LUNA LUCAS / ROBERTO FAENZI  QUINTET
latin jazz and more

Anna Luna Lucas, voce
Simone La Maida, alto e soprano sax
Roberto Monti, chitarre
Lorenzo Scipioni, contrabbasso
Roberto Faenzi, batteria

terza serata martedì 23 agosto con

FALSOS  BRASILEIROS
Sonorità Brasiliane su testi di Carlos Drummond De Andrade

Silvia Donati, voce
Achille Succi, clarinetto basso, sax contralto e flautini
Giancarlo Bianchetti, chitarre e cavaquinho
Roberto Rossi, batteria e percussioni

Tutti i concerti si terranno alla terrazza della Funivia di Borgo Maggiore – San Marino con inizio alle ore 21,15

INGRESSO LIBERO

info: [email protected]   tel. 333.7345531 – 331.8536632